Manuale dello Iaido

MANUALE DI IAIDO

Traduzione dal giapponese di Chris Mansfield

Marzo 2004

Copia non in vendita ad uso esclusivo dei soci

1

INDICE

Prefazione della Federazione Giapponese Kendo 3

Revisione e spiegazioni del libro di Iaido 4

Comportamento ed Etichetta 6

Esecuzione delle forme (Kata) 11

Supplemento (Spiegazioni aggiuntive) 27

Indicazioni per gradi e giudizi 30

Glossario dei termini generali 34

Glossario dei termini delle competizioni 39

Glossario dei nomi delle parti della spada 41

Postfazione 43

2

PREFAZIONE

Il Kendo e lo Iaido sono strettamente correlati. Chi pratica Kendo spesso fa riferimento al maneggio della spada, allo spirito dello Iaido, come in Batto (sguainare la spada) o in Noto (rinfoderare la spada).

Qualche volta viene chiesto ai praticanti di Kendo “praticate anche Iaido?”. Se questi rispondono negativamente, ottengono uno sguardo sorpreso e si sentono un po’ imbarazzati. Di solito Kendo e Iaido sono considerati come una unità e si dà per scontato che chi pratica una disciplina lo faccia anche con l’altra.

Eseguendo lo Iaido con spade vere ci si aspetta che ci sia meno critica verso i praticanti di Kendo che nei tempi attuali fanno roteare solo spade di bambù.

Ci sono molte scuole di Iaido e molte forme o Kata, così è molto difficile padroneggiarle tutte. Per questo motivo abbiamo scelto le tecniche di base da ciascuna scuola e le abbiamo messe assieme in modo da rendere lo Iaido più facile da apprendere e farlo diventare popolare.

E’ mio grande piacere offrire questo libro dopo lunghe discussioni e riflessioni e di essere stato in grado di fare una dimostrazione di Iaido a Kyoto nel 1968 secondo questo libro.

Spero che chi pratica Kendo possa padroneggiare almeno quello che è scritto in questo libro.

I maestri che hanno determinato i Kata della Federazione Giapponese Iaido pensano che sia sufficiente per i principianti. Lo Iaido ha fasi profonde e nascoste. Vi raccomando di perseguire un suo più profondo apprezzamento in futuro.

Maggio 1969

ZNKR – Direttore amministrativo Kazuo Otani

3

REVISIONE DEL LIBRO DELLA ZNKR

Il primo manuale di istruzioni per lo Iaido della ZNKR fu compilato nel 1969.

Nel 1976 una parte di esso fu rivista e nel 1980 furono aggiunte nuove forme.

Da allora lo Iaido è stato praticato in tutto il mondo. E’ stata effettuata una traduzione in lingue straniere, ma abbiamo trovato degli errori di stampa e delle parole non corrette.

Pensiamo anche che molte frasi siano difficili da capire o immaginare. Questi fattori hanno ostacolato l’uso della traduzione come un manuale.

La commissione Iaido della ZNKR ha completato questo libro dopo molte ulteriori discussioni e studi. Questa edizione rivista è stata scritta in uno stile più facile da capire. Dà anche l’opinione unica della ZNKR riguardo ai giudizi e ai gradi.

Spero che questo libro sia di aiuto per l’allenamento e per una ulteriore crescita e aumento della popolarità dello Iaido in tutto il mondo.

Settembre 1988 ZNKR

Direttore esecutivo – Yoshimitsu Takeyasu

4

SPIEGAZIONE PER AVER AGGIUNTO LE FORME 11 E 12

Da quando è stato compilato questo libro nel 1969, lo Iaido è diventato sempre più popolare.

All’avvicinarsi del nuovo secolo abbiamo deciso di aggiungere nuove forme per renderlo migliore e far sì che più persone si divertano con lo Iaido.

Per migliorare la pratica non si dovrebbe soltanto essere abili nel maneggiare la spada e a respirare correttamente, ma è importante l’unificazione di cuore, spirito e potenza.

Spero che lo Iaido sia apprezzato da quelli che praticano Kendo e sarebbe molto più gratificante e vantaggioso praticarli entambi.

E’ mio desiderio che questo libro possa aiutare tutti i praticanti di Kendo e di Iaido.

Novembre 2001

ZNKR – Presidente Yoshimitsu Takeyasu

5

COMPORTAMENTO

(Etichetta generale e formalità di apertura)

In occasione di una esibizione (Enbu) davanti all’altare, nel dojo, è importante seguire il comportamento qui sotto indicato. Lo stesso comportamento dovrebbe essere osservato quando si pratica di fronte all’immagine di una persona deceduta o alla bandiera nazionale o ad un ospite d’onore.

Avvicinarsi alla zona in cui si dovrà praticare, il Shutsujo, con la spada nella posizione Keito Shisei e chinarsi all’altare (Shinza E no Rei). Procedendo in diagonale verso l’altare (Enbu no Hoko), sedersi in Seiza, posare la spada di fronte a sé e chinarsi (Hajime no Torei).

Prendere la spada, infilarla in cintura (Taito) e cominciare l’esecuzione. Una volta finita, sedersi nuovamente, prendere la spada e posarla di fronte a sé e chinarsi (Owari no Torei).

Quindi prendere la spada, sollevarsi e chinarsi verso l’altare, Shinza E no Rei e lasciare la zona (Taijo).

1. Keito Shisei (come tenere la spada)

Posare il pollice sinistro sulla coccia della spada (Tsuba) mentre si tiene la bocca del fodero (Koiguchi) assieme al Sageo nelle altre quattro dita. Il braccio sinistro dovrebbe essere leggermente piegato al gomito. Tenere il filo della spada verso l’alto, indirizzando l’estremità dell’impugnatura (Tsukagashira) verso la linea centrale dell’addome. Puntare l’estremità inferiore del fodero (Kojiri) ad un angolo di 45° e posare la base del pollice sinistro sull’osso dell’anca. La mano destra dovrebbe essere posata lungo il lato del corpo in una linea verticale diritta.

2. Shutsujo (entrare nella zona di pratica)

6

Procedere verso la zona di pratica cominciando a camminare col piede destro e portando la spada in Taito Shisei. Prima di cominciare, assicurarsi che il pioletto dell’impugnatura (Mekugi) sia ben saldo al suo posto, che l’abbigliamento sia in ordine e l’Obi legato in modo adatto.

3. Shinza E no Rei (inchino all’altare)

In Taito Shisei, in piedi di fronte all’altare. Portare la mano sinistra passando davanti al corpo verso il lato destro, a livello delle anche, e prendere la spada con la mano destra. Afferrare Kurigata e Sageo con la mano destra. Portare il filo verso il basso con Tsukagashira verso dietro. Togliere la mano sinistra dalla spada e riportarla con naturalezza al lato sinistro. Portare la spada lungo il lato destro. Piegare la parte superiore del corpo in avanti a circa 30° con rispetto. Dopo l’inchino, portare la mano destra attraverso la parte frontale del corpo all’altezza dell’ombelico, cambiare mani e tenere la coccia della spada con il pollice sinistro, e quindi ritornare in Keito Shisei.

4. Enbu no Hoko (direzione verso cui fare la dimostrazione)

Ruotando il corpo nella direzione del piede destro, portarsi diagonalmente a destra dell’altare tenendo la spada in Keito Shisei. Dovreste essere in posizione tale che Shinza si trovi in diagonale a sinistra. Questa direzione diventerà Shomen per l’Enbu.

5. Hajime no Torei (inchino alla spada prima dell’esibizione)

Da Keito Shisei, sedersi (a), posare la spada a destra (b), da Seiza (c) inchinarsi alla spada (d).

a. Chakuza (sedersi)

Da Keito Shisei, senza spostare i piedi verso dietro, aprire leggermente e piegare entrambe le ginocchia e mentre si spostano i bordi dell’Hakama con la mano destra, posare il ginocchio sinistro, seguito dal destro, sul pavimento. Lasciare circa 10 cm di spazio tra le ginocchia. Estendere le punte degli alluci e metterle una accanto all’altra. Sedersi in modo confortevole. Mettere la mano destra sulla coscia destra con le dita leggermente distese. Tenere la spada nella mano sinistra sulla coscia sinistra.

b. Katana no Okikata (come posare la spada)

Con la mano sinistra spingere la spada in avanti verso il proprio centro. Mentre la mano destra afferra la spada, posare il pollice destro sulla coccia. Tenere Saya con le altre dita vicino al Koiguchi. Assicurandosi che il filo della lama sia rivolto verso l’avanti, distendere il braccio destro, controllando di tenere assieme Sageo e Saya. Afferrare da sopra con la mano sinistra la parte finale di Saya. Piegare in avanti la parte superiore del corpo e posare la spada frontalmente. Fare attenzione a non lasciare che la punta di Saya sia rivolta verso l’altare. Riportare la parte superiore del corpo alla posizione di partenza e posare la mano destra sulla coscia destra, seguita dalla mano sinistra. Stare in Seiza con calma.

c. Seiza no Shisei ( posizione da seduti)

Allungare la schiena e concentrare la forza nell’addome. Rilassare le spalle e spingere in avanti con naturalezza il petto. Distendere la parte posteriore del collo e della testa. Posare entrambe le mani sulle cosce. Guardare a 4-5 metri di fronte. Tenere gli occhi socchiusi in Enzan no Metsuke (guardare la montagna lontana). Si deve essere consapevoli di tutto ciò che sta attorno.

d. Zarei (inchino)

Dalla posizione seduti piegare in avanti la parte superiore del corpo. Posare la mano sinistra sul pavimento davanti alla spada e fare un piccolo triangolo con i pollici e gli indici che si toccano. Continuare a chinarsi finché i gomiti toccheranno il suolo con naturalezza. Il sentimento dovrebbe essere di profondo rispetto. Dopo aver fatto ciò, sollevarsi con morbidezza e riportare la mano destra e poi la sinistra sulle cosce.

6. Taito (infilare la spada)

Dopo Hajime no Torei, si è spiritualmente uniti con la spada. Piegare la parte superiore del corpo e prendere la spada (col Sageo) con tutte e due le mani. Con il palmo della mano destra prendere Saya vicino al Koiguchi. Posare il pollice destro sulla coccia e nello stesso momento posare la mano sinistra a circa 10 cm dalla base di Saya e tenerla con delicatezza.

Mentre ci si solleva, portare la punta di Saya al centro dell’addome e inserire la spada nell’Obi. Sistemare la spada in modo che la coccia sia di fronte all’ombelico. Legare il Sageo all’Hakama e posare le mani sulle cosce.

7. Owari no Torei (inchino alla spada dopo l’esecuzione)

Dopo avere terminato la dimostrazione, sedersi in Seiza e togliere la spada (a), posare la spada con l’impugnatura (Tsuka) sul lato sinistro e inchinarsi (b). Posare la spada sulla coscia (c) e sollevarsi (d).

a. Datto (togliere la spada)

Mentre ci si siede in Seiza con la spada nell’Obi, tirare e sciogliere il nodo del Sageo solo con la mano destra. Posare la sinistra su Saya vicino al Koiguchi assicurandosi che il pollice sinistro sia sulla coccia. Spingere leggermente in avanti la spada verso destra, un po’ fuori dal centro. Posare l’indice destro sulla coccia e le altre dita vicino al Koiguchi. Posare la mano sinistra sul lato sinistro della coscia, sopra l’Obi e stendendo il gomito destro, tirare in fuori la spada. Assicurarsi che il filo della lama sia verso l‘interno.

b. Katana no Okikata To Zarei (come posare la spada e chinarsi)

Tenendo la mano sinistra sulla coscia sinistra, con la mano destra posare la spada perpendicolare sul pavimento davanti e a destra del ginocchio destro e con delicatezza farla scendere in modo da renderla orizzontale. Assicurarsi che il Sageo sia in ordine e che il filo della lama sia rivolto verso l’interno. Posare le mani sulle cosce (prima destra e poi sinistra) e assumere Seiza no Shisei. Eseguire Zarei (vedi 5d) e ritornare in Seiza.

c. Katana no Torikata (come prendere la spada)

Lasciare la mano sinistra sulla coscia sinistra, stendere la mano destra e posare l’indice sulla Tsuba mentre si posano le altre dita attorno a Saya, vicino al Koiguchi. Mantenendo il filo della lama verso l’interno, portare con delicatezza la spada in posizione perpendicolare al centro del corpo. Muovere la mano sinistra verso il centro di Saya e afferrarla con delicatezza facendola quindi scivolare verso la base. Con entrambe le mani posare la spada sulla coscia sinistra. Togliere la mano destra dal fodero, posare il pollice sinistro sulla coccia e afferrare l’imboccatura di Saya con le altre dita. Tenere la spada con la mano sinistra e riportare la destra sulla coscia destra.

d. Tachi Agari Kata (come sollevarsi)

Sollevare il petto puntando le ginocchia. Posare il piede destro in linea con il ginocchio sinistro e sollevarsi senza chinarsi in avanti. Quando si è in piedi portare il piede sinistro in linea con il destro per assumere Keito Shisei.

8. Taijo (lasciare la zona)

In piedi in Keito Shisei di fronte all’altare. Passare la spada dalla mano sinistra a destra attraverso la parte frontale del corpo ed eseguire Shinza E no Rei. Riportare la spada alla mano sinistra di nuovo in Keito Shisei. Fare due o tre passi indietro partendo con il piede sinistro, girarsi di 180° e lasciare la zona.

ESECUZIONE (di forme)

Il paragrafo seguente ed i successivi relativi a ciascuna forma sono un riassunto e presentano la sensazione generale e il significato di ciascun Kata.

SEIZA NO BU (serie in ginocchio)

1. Ipponme – Mae (di fronte)

Sentendo l’intenzione minacciosa di chi sta di fronte, anticiparlo usando la punta della spada per tagliarne la tempia in una azione orizzontale e poi portare la spada dall’alto verso il basso in una azione verticale.

a. Seduti in Seiza rivolti verso l’avanti. Prendere con delicatezza la spada con entrambe le mani, sganciandola leggermente dalla bocca del fodero. Sollevarsi sulle anche mentre si estrae la spada assicurandosi che il filo della lama rimanga rivolto verso l’alto. Mentre si estrae la spada, tenere la mano sinistra sulla bocca del fodero tirandolo indietro e assicurandosi che il mignolo sinistro sia in contatto con la cintura.

Il filo della lama è rivolto verso l’alto. Facendo forza sulle punte delle dita dei piedi, portare la spada in posizione orizzontale subito prima che la lama esca dal fodero. Distendere le anche, posare il piede destro in avanti e mirare per tagliare la tempia destra dell’avversario.

b. Portare il ginocchio sinistro in una linea diritta vicino al tallone destro. Nello stesso tempo portare di nuovo la bocca del fodero davanti all’ombelico e muovere velocemente la spada sopra la testa come se si volesse colpire con la punta dietro l’orecchio sinistro (1).

Portare la mano sinistra sull’impugnatura mentre si sposta in avanti il piede destro, tagliare verso il basso lungo la linea centrale (2).

(1) Nella posizione di Furikaburi con la spada sopra la testa, assicurarsi che Kissaki non sia sotto la posizione orizzontale.

(2) Alla fine del taglio, il pugno sinistro dovrebbe essere davanti all’ombelico e Kissaki dovrebbe essere appena sotto la linea orizzontale.

c. Togliere la mano sinistra dall’impugnatura e posarla contro l’anca sinistra sopra l’Obi dove è infilata Saya. Muovendo il pugno destro sopra Tsuka, ruotare il filo della lama della spada in modo che sia rivolto verso destra. Cominciare a sollevare la spada verso destra fino all’altezza della spalla. Piegare il braccio al gomito in modo che mano e spada siano vicine alla tempia destra. Mentre ci si solleva, scuotere il sangue facendo oscillare la spada verso il basso ad un angolo di 45° (sulla linea di Kesa, in diagonale attraverso il petto lungo il risvolto della giacca). Dopo aver scosso il sangue, prepararsi per effettuare Iai Goshi (2).

(1) Il Chiburi eseguito sulla linea di Kesa dovrebbe dare la sensazione di scuotere l’acqua da un ombrello. Alla fine di Chiburi, la mano destra dovrebbe essere alla stessa altezza della sinistra posizionata sul davanti in diagonale a destra. Il Kissaki dovrebbe essere circa a 45° con la punta rivolta verso il basso e leggermente all’interno della mano destra. Assicurarsi che il filo della lama punti nella stessa direzione in cui si è eseguito il Chiburi.

(2) Iai Goshi è una dimostrazione di Zanshin (consapevolezza) con le ginocchia leggermente piegate e con la sensazione che le anche siano abbassate.

d. Mentre si esegue Iai Goshi assicurarsi che le ginocchia siano leggermente piegate.Portare il piede dietro in linea con quello avanti e quindi spostare indietro il piede destro. rendere Koiguchi con la mano sinistra ed eseguire Noto. Abbassare il ginocchio dietro fino a toccare il pavimento nello stesso momento in cui Noto è completato. Mentre si rinfodera la spada il dito medio della mano sinistra dovrebbe reggere il Koiguchi e pollice e indice dovrebbero sostenere il dorso della spada vicino a Tsuba. Distendere il gomito destro in diagonale avanti a destra e far puntare la spada in direzione del petto a sinistra.

Inserire la punta della spada nel Koiguchi facendo scivolare e muovere le mani in direzioni opposte. Assicurarsi che la mano sinistra abbia il controllo del fodero. Alla fine del rinfodero, posare il pollice sinistro sulla coccia. La coccia dovrebbe trovarsi di fronte all’ombelico. Tenere la spada in una posizione naturale.

e. Sollevandosi, portare avanti il piede dietro in linea con quello davanti. Togliere la mano destra dalla Tsuka e assumere Taito Shisei. Ritornare alla posizione di partenza in piedi retrocedendo di tre passi a cominciare dal piede sinistro.

2. Nihonme – Ushiro (dietro)

Sentendo l’intenzione minacciosa di chi sta dietro di voi, anticiparlo usando la punta della spada per tagliare la sua tempia con una azione orizzontale e poi portare la spada dall’alto in basso da sopra la testa con una azione verticale.

a. In piedi verso l’avanti. Ruotare di 180° in senso orario facendo incrociare il piede sinistro sopra il destro per dare le spalle alla direzione di partenza e sedersi in Seiza. Afferrare con delicatezza la spada con entrambe le mani e sganciarla nello stesso modo descritto nella forma n.1 – Mae. Mentre si estrae la spada, sollevare il corpo e fare un giro in senso antiorario verso sinistra usando il ginocchio destro come perno. Porsi frontali all’avversario. Posare il piede sinistro nella posizione corretta e mirare un taglio alla tempia. I movimenti successivi sono gli stessi di Mae, ma effettuati con il piede sinistro avanti. Dopo Kirioroshi, Chiburi e Noto, assumere Taito Shisei. Ritornare alla posizione di partenza retrocedendo di tre passi a cominciare dal piede sinistro.

3. Sanbonme – Ukenagashi (ricevo, eludo e taglio)

Quando la persona che si trova alla vostra sinistra, improvvisamente si alza con l’intenzione di portarvi un colpo dall’alto in basso, parare con lo spigolo sul lato della vostra spada e tagliarlo da sopra la testa verso il basso con una azione diagonale.

a. Seduti in Seiza rivolti verso destra. Mentre si gira la testa a sinistra per guardare il nemico, afferrare velocemente la spada con entrambe le mani. Senza pausa, sollevare le anche e applicare forza sulla punta delle dita del piede destro. Estendere il petto e muovere avanti il piede sinistro in modo che tocchi l’interno del ginocchio destro con le dita leggermente puntate verso fuori. Estrarre la spada vicino al petto mentre ci si solleva e ompletare l’estrazione sopra e davanti alla testa. Facendo questo, portare il piede destro vicino e all’interno del sinistro e ricevere la spada dell’avversario. In questa azione la spada dovrebbe essere angolata verso il dietro in alto e il Kissaki angolato in basso in modo che venga protetta la parte superiore del corpo.

NB. L’angolo del corpo mentre si effettua la parata dovrebbe idealmente essere leggermente rivolto verso destra. Dopo che la spada ha effettuato la parata portandola alta sopra la testa, ci si dovrebbe trovare naturalmente proprio di fronte all’avversario.

b. Dopo la parata, ruotare la punta della spada verso l’alto a destra e di fronte all’avversario.

Posare la mano sinistra sull’impugnatura e, senza fermare la spada, fare un passo indietro e portare la spada in diagonale verso il basso dalla spalla sinistra dell’avversario. Fermare la mano sinistra di fronte all’ombelico e assicurarsi che Kissaki sia un po’ più bassa dell’orizzontale.

c. Posare il Monouchi della spada sulla parte inferiore della coscia destra ruotando e distendendo la mano sinistra in direzione oraria e assicurarsi che la lama rimanga rivolta verso l’avanti. Tenere il palmo della mano destra verso l’alto e tenere con morbidezza l’impugnatura.

d. Togliere la mano destra dall’impugnatura e riportarla su di essa questa volta afferrando Tsuka da sopra.

e. Togliere la mano sinistra dall’impugnatura e afferrare il Koiguchi. Con la mano destra sollevare la punta della spada e portare il Mune in contatto con la mano sinistra in posizione orizzontale ed effettuare Noto. Mentre si rinfodera, appoggiare a terra il ginocchio sinistro.

f. Sollevandosi, portare il piede dietro in avanti in linea con l’altro piede. Togliere la mano destra dall’impugnatura, assumere Taito Shisei e ritornare alla posizione di partenza facendo mezzo passo col piede sinistro.

IAI HIZA NO BU (serie con ginocchio sollevato)

4. Yonhonme – Tsuka Ate (colpire con l’impugnatura)

Due persone, una di fronte e l’altra dietro, intendono attaccare. Colpire con l’estremità della propria spada il plesso solare dell’avversario di fronte, poi estrarre e colpire di  punta l’avversario dietro. Girandosi verso l’avanti, portare la spada in basso in una azione verticale da sopra la testa per sconfiggere il primo avversario.

a. Seduti in Iai Hiza (1) rivolti verso l’avanti. Velocemente posare entrambe le mani sulla spada e sollevare le anche. Mettere forza nelle dita del piede sinistro e, sollevandosi, metterlo in linea con il ginocchio. Portando avanti il piede destro, colpire il plesso solare dell’avversario con Tsuka Gashira (estremità dell’impugnatura), facendo una azione di affondo con la spada ancora nel fodero.

(1) Dopo aver assunto Taito Shisei, spostare il bordo dell’Hakama per liberare le caviglie e piegare le ginocchia. Abbassare il ginocchio sinistro al suolo e portare il piede destro di fianco ad esso, appiattendo il piede  sinistro. Assicurarsi che il ginocchio destro punti in diagonale verso destra e sedersi con naturalezza posando le natiche sul tallone sinistro.

Chiudere leggermente i pugni e posarli a metà delle cosce. Assumere lo stesso atteggiamento che in Seiza no Shisei.

b. Tirando indietro il fodero con la mano sinistra, girarsi e guardare verso l’avversario che si trova alle spalle. Il piede sinistro si muove di 90° girando in senso antiorario, facendo perno sul ginocchio. Girarsi a sinistra e nello stesso tempo estrarre la spada e portare al petto Mune all’altezza del Monouchi. Il filo della lama dovrebbe essere verso l’esterno.

Distendere il braccio destro e portare un affondo al plesso solare dell’avversario dietro.

Assicurarsi che la punta della spada sia orizzontale e diretta al centro del corpo dell’avversario. Nello stesso momento riportare la sinistra al centro del corpo mantenendone il contatto finchè Koiguchi si ferma di fronte all’ombelico.

c. Girarsi verso l’avversario di fronte riportando la gamba sinistra nella sua posizione di partenza usando come asse il ginocchio sinistro. Nello stesso momento portare la spada sopra la testa. Posare la mano sinistra sull’impugnatura e tagliare l’avversario dall’alto in basso nello stesso modo descritto in Mae.

d. Senza cambiare la posizione, togliere la mano sinistra dall’impugnatura e posarla sull’anca sinistra, sopra la cintura. Nello stesso momento eseguire una azione orizzontale verso destra con la mano destra, Migi ni Hiraite no Chiburi (Yoko Chiburi). Mentre si scuote il sangue dalla spada, il pugno destro dovrebbe trovarsi alla stessa altezza della mano sinistra. Mantenere la punta della spada inclinata leggermente verso l’interno e un po’ più bassa dell’orizzontale.

e. Portare la mano sinistra dalla cintura al Koiguchi ed eseguire Noto mentre si riporta indietro il piede destro in una linea diritta per terminare vicino all’altro. Mentre si esegue questo movimento, portare le anche in posizione di Sonkyo. Mantenere una postura eretta rivolta verso l’avanti con il ginocchio sinistro a terra.

f. Portare in avanti il petto e il piede destro e sollevarsi. Facendo questo, portare il piede dietro in linea con quello  avanti. Togliere la mano destra dall’impugnatura, assumere Taito Shisei e ritornare alla posizione di partenza cominciando dal piede sinistro.

TACHI IAI NO BU (serie delle forme in piedi)

5. Gohonme – Kesagiri (Taglio diagonale)

Mentre state camminando, un avversario viene verso di voi e cerca di tagliarvi portando la spada sopra la testa. Immediatamente lo tagliate in diagonale, prima verso l’alto dal suo fianco destro e poi verso il basso dalla spalla sinistra.

a. Fare un passo avanti cominciando dal piede destro. Mentre si avanza col piede sinistro, posare rapidamente le mani su Tsuka. Ruotare sia Saya che la spada in senso antiorario finché il filo della spada è rivolto verso il basso. Appena posato il piede destro, tagliare l’avversario dal fianco destro verso l’alto attraverso la sua spalla sinistra, con la mano destra. Alla fine del taglio, la mano destra dovrebbe trovarsi sopra la spalla destra con la spada verso l’alto in posizione naturale.

b. Senza spostare i piedi, riportare Saya nella sua posizione originale con la mano sinistra. Togliere la mano dal Koiguchi, afferrare Tsuka e tagliare l’avversario in diagonale verso il basso attraverso il punto tra la base del collo e la spalla. Il taglio verso l’alto e quello verso il basso dovrebbero essere eseguiti in un unico fluido movimento. Al termine dell’azione, la mano sinistra dovrebbe trovarsi di fronte all’ombelico, la punta della spada leggermente più bassa dell’orizzontale e rivolta verso sinistra come in Ukenagashi.

c. Riportare indietro il piede destro assumendo Hasso no Kamae e mostrare Zanshin.

d. Mentre si porta indietro il piede sinistro, togliere la mano sinistra dall’impugnatura e

afferrare la bocca del fodero. Eseguire Do Kesa ni Furi Oroshite no Chiburi portando la

spada in basso diagonalmente, per finire a 45° di fronte a destra.

e. Eseguire Noto senza altri movimenti dei piedi.

f. Portare il piede dietro in linea con quello avanti. Togliere la mano destra dall’impugnatura

e assumere Taito Shisei. Ritornare alla posizione di partenza con tre passi cominciando dal

sinistro.

6. Ropponme – Morotezuki (affondo a due mani)

Mentre camminate, tre persone – due davanti e una dietro, intendono attaccarvi.

Anticipate l’attacco frontale estraendo la spada e tagliando sul viso il primo avversario,

alla tempia destra, proseguendo con un affondo a due mani sul suo plesso solare.

Girando verso l’avversario dietro, portare la spada sopra la testa e tagliare verso il basso

verticalmente. Infine ruotare di nuovo verso l’avanti e tagliare l’ultimo avversario nello

stesso modo.

17

a. Avanzare cominciando dal piede destro. Appena posato il piede sinistro, afferrare la

spada con tutte e due le mani. Mentre si avanza il piede destro, ruotare leggermente verso

sinistra la parte superiore del corpo e tagliare l’avversario al viso dalla tempia destra al

mento.

b. Portare il piede dietro in avanti fino al tallone del piede destro e nello stesso momento

portare la spada in Chudan no Kamae (guardia media) tenendo la Tsuka con entrambe le

mani. Senza esitazione, fare un passo avanti con il piede destro e portare un affondo al

plesso solare dell’avversario con entrambe le mani.

c. Facendo una rotazione di 180° verso sinistra usando come asse il piede destro, tirare

fuori la spada. Muovere il piede sinistro leggermente a sinistra e, in una azione di parata,

sollevare la spada sopra la testa. Appena girati verso l’avversario, fare un passo avanti col

piede destro e tagliare verso il basso con una azione verticale Kirioroshi. Al termine del

taglio, le mani dovrebbero trovarsi davanti all’ombelico e la spada orizzontale.

d. Girandosi di nuovo verso la direzione frontale, tagliare l’ultimo avversario in una azione

verticale dall’alto in basso nello stesso modo, avanzando col piede destro.

e. Mantenere la stessa posizione ed eseguire Migi ni Hiraite no Chiburi (Yoko Chiburi)

mentre si porta la mano sinistra sulla cintura sul lato destro.

f. Togliere la mano sinistra dalla cintura e afferrare il Koiguchi del fodero ed eseguire Noto.

g. Portare il piede dietro in avanti in linea con il destro, togliere la mano destra

dall’impugnatura e assumere Taito Shisei. Ritornare alla posizione di partenza cominciando

dal piede sinistro.

18

7. Nanahonme – Sanpogiri (Tagli in tre direzioni)

Tre avversari, di fronte, a sinistra e a destra, intendono attaccare mentre state

avanzando. Estrarre la spada e tagliare immediatamente il primo avversario verso destra

da sopra la testa. Tagliare il successivo a sinistra ruotando verso di lui e infine ritornare

verso la direzione frontale e tagliare l’ultimo avversario verticalmente dall’alto in basso.

a. Fare cinque passi in avanti cominciando dal piede destro. Afferrare la spada con

entrambe le mani mentre il piede sinistro sta avanzando. Minacciando l’avversario di fronte,

estrarre la spada e girarsi verso l’avversario a destra usando il piede sinistro come asse e

posando il destro leggermente avanti sulla destra. Tagliare da sopra la sua testa fino al

mento.

b. Ruotare di 180° a sinistra per portarsi frontali al secondo avversario senza modificare la

posizione e usando come asse il piede destro. Facendo così, portare la spada sopra la testa

in una azione di parata prendendo l’impugnatura con la mano sinistra. Senza esitare,

tagliare dall’alto in basso in una linea diritta al centro dell’avversario.

c. Ruotare verso l’ultimo avversario usando come asse il piede sinistro. Effettuare una

azione di parata mentre la spada viene portata sopra la testa. Poi, muovendo avanti il piede

destro, tagliare come descritto al punto precedente.

d. Portando indietro il piede destro, assumere Morote Hidari Jodan no Kamae (spada tenuta

con entrambe le mani sopra la testa ad un angolo di 45° con il piede sinistro avanti) e

mostrare Zanshin.

e. Mentre si porta indietro il piede sinistro, togliere la mano sinistra dalla Tsuka e posarla

sull’anca sinistra sopra la cintura. Effettuare Kesa ni Furi Oroshite no Chiburi (ampia azione

di scuotere il sangue dalla lama cominciando dalla posizione di Jodan con la spada che taglia

lungo una linea simile a Kesa Giri), portando la spada verso il basso diagonalmente.

f. Far scivolare la mano sinistra dalla cintura al Koiguchi ed effettuare Noto.

19

g. Avanzare col piede dietro portandolo in linea con quello davanti, togliere la mano destra

dall’impugnatura e assumere Taito Shisei. Ritornare alla posizione di partenza retrocedendo

di cinque passi a partire dal piede sinistro.

8. Happonme – Ganmenate (colpire alla faccia)

Mentre si avanza, due persone, una di fronte e una dietro, intendono attaccare. Prima

effettuare Tsuka Ate contro la faccia dell’avversario di fronte, poi affondare la punta

della spada nel plesso solare di quello che sta dietro. Girarsi e tagliare il primo

avversario verticalmente dall’alto in basso da sopra la vostra testa.

a. Avanzare di tre passi cominciando dal piede destro. Afferrare la spada con entrambe le

mani mentre si porta avanti il piede sinistro e colpire con forza l’avversario tra gli occhi

usando Tsuka Gashira mentre si avanza col piede destro. Questa azione usa spada e

fodero tenuti assieme con la mano sinistra e con la destra.

b. Ruotare immediatamente di 180° in senso antiorario, estrarre la spada dalla Saya, posare il

piede sinistro a sinistra e girarsi verso l’avversario che sta dietro. Posare il pugno sul fianco

e tenere la spada orizzontale con la lama rivolta verso l’esterno.

Senza pausa, fare un passo avanti con il piede destro e distendere il gomito destro senza

far ondeggiare la parte superiore del corpo e affondare la punta della lama nel plesso

solare dell’avversario. Mentre si esegue questo affondo, la mano destra dovrebbe essere

più bassa della punta della spada.

c. Girarsi quindi verso il primo avversario facendo una rotazione di 180° usando come asse il

piede destro. Far scivolare a sinistra il piede sinistro e portare la spada sopra la testa in una

azione di parata. Afferrare l’impugnatura con la mano sinistra e portarsi frontali

all’avversario. Fare immediatamente un passo avanti col piede destro e tagliare

verticalmente dall’alto in basso.

d. Senza muovere i piedi, togliere la mano sinistra dall’impugnatura e posarla sull’anca sopra

20

la cintura. Eseguire Migi ni Hiraite no Chiburi (Yoko Chiburi).

e. Far scivolare la mano sinistra dall’anca sinistra al Koiguchi, afferrarlo ed eseguire Noto.

f. Dopo aver rinfoderato la spada, portare il piede dietro in linea con quello avanti, togliere

la mano destra dall’impugnatura e assumere Taito Shisei. Ritornare alla posizione di

partenza cominciando dal piede sinistro.

9. Kyuhonme – Soetezuki (affondo a mani unite)

Mentre camminate, una persona all’improvviso compare da sinistra con l’intenzione di

attaccarvi. Bloccatela prendendo l’iniziativa con l’estrarre la spada e tagliandola

diagonalmente attraverso la spalla destra. Poi affondate la spada nel suo addome

mentre fate un passo avanti.

a. Fare tre passi avanti cominciando dal piede destro. Avanzando col il piede sinistro, girarsi

verso sinistra e guardare l’avversario posando entrambe le mani sulla spada. Continuare

avanzando di mezzo passo con il piede destro e usandolo come perno ruotare il corpo

portandosi frontali all’avversario.

Fare un passo indietro con il piede sinistro, aprire un po’ la parte superiore del corpo in

diagonale a sinistra e portare un taglio attraverso la spalla destra dell’avversario al lato

dell’addome, tagliando lungo la linea di Kesa. Alla fine del taglio, la mano destra dovrebbe

trovarsi all’altezza dell’ombelico e la punta della spada un po’ più alta della mano destra.

b. Puntare le dita del piede destro verso destra e fare mezzo passo indietro per assumere

Soetezuki no Kamae (1). Portare immediatamente avanti il piede sinistro e affondare la

spada nell’addome dell’avversario. A questo punto la mano destra dovrebbe essere di

fronte all’ombelico e la spada orizzontale.

(1) Afferrare con forza a metà il bordo superiore della lama tra pollice e indice della mano

sinistra. Posare la mano destra vicino al fianco destro tenendo l’impugnatura con la punta

21

della spada in posizione orizzontale. La parte superiore del corpo dovrebbe essere

naturalmente ruotata verso destra.

c. Senza muovere la mano sinistra, estrarre la spada dal corpo (ruotandola sopra il dorso

delle dita della mano sinistra) e abbassando la punta della spada con il filo verso il basso e

verso l’avanti. Portare la mano destra di fronte al petto a destra, Kamae (1), e mostrare

Zanshin.

(1) Nell’eseguire questa Kamae, tenere la lama della spada con pollice e indice della mano

sinistra. Ruotare il palmo verso il basso e stendere leggermente il gomito destro per

assicurarsi che l’angolo tra l’avambraccio e la spada sia di circa 90°.

d. Togliere la mano sinistra dalla lama e afferrare il Koiguchi. Mentre si fa un passo indietro

col piede sinistro, eseguire Migi ni Hiraite no Chiburi. L’angolo di questo Chiburi è di circa

30°.

e. Eseguire Noto come descritto precedentemente.

f. Portare il piede dietro in linea con quello davanti e togliere la mano destra

dall’impugnatura. Assumere Taito Shisei e indietreggiare alla posizione di partenza prima

girandosi verso la parete frontale e quindi facendo tre passi cominciando dal piede

sinistro.

10. Jupponme – Shihogiri (tagliare in quattro direzioni)

Incontrate quattro nemici che intendono attaccarvi. Anticipate il primo, in diagonale

avanti a destra, usando Tsuka Ate sulla sua mano destra. Poi fate un affondo al plesso

solare dell’avversario successivo in diagonale dietro a sinistra. Continuate tagliando gli

altri in diagonale di fronte e dietro finché tutti sono sconfitti.

a. Fare due passi avanti cominciando col piede destro. Appena il piede comincia ad

22

avanzare, girarsi verso l’avversario in diagonale davanti a destra e afferrare la spada con

entrambe le mani. Spingere in fuori la spada senza estrarla e colpire la mano destra

dell’avversario con la parte piatta di Tsuka mentre si porta avanti il piede destro.

b. Immediatamente eseguire Sayabiki con la mano sinistra e ruotare verso l’avversario in

diagonale dietro a sinistra. Quando la punta della spada esce da Koiguchi, fare un mezzo

giro e assumere la posizione Hitoemi (1).

Posare il dorso della spada dietro il Monouchi sul lato sinistro del petto. Senza pausa,

avanzare il piede sinistro e spingere la mano sinistra verso l’interno sull’ombelico. Stendere

il gomito si posa il dorso della spada sul petto e quando si affonda la spada nell’avversario,

la parte superiore del corpo dovrebbe avere la stessa posizione che in Tsuka Ate.

(1) Quando si assume la posizione Hitoemi, la parte superiore del corpo dovrebbe essere

un po’ più laterale che in Hanmi no Kamae (posizione laterale).

c. Girarsi nuovamente verso il primo avversario in diagonale di fronte a destra. Portare la

spada sopra la testa estraendola dall’avversario dietro. Afferrare Tsuka con la mano sinistra

e girare verso destra usando il piede destro come asse per portarsi frontali all’avversario.

Fare un passo avanti con il piede sinistro e tagliare verticalmente con una azione dall’alto in

basso. (N.B. Questa azione di Furi Kaburi deve essere fatta con fluidità e in un unico

movimento).

d. Girarsi adesso verso l’avversario che si trova in diagonale a destra (90°). Parando un

tentativo di taglio con la spada, usare il piede sinistro come asse per girare e con il piede

destro fare un passo avanti ed eseguire un taglio verticale dall’alto in basso fino

all’orizzontale.

e. Ruotare di 180° verso sinistra usando come asse il piede destro. Muovere verso sinistra il

piede sinistro e portarsi frontali all’avversario dalla parte opposta (Waki Gamae). Ancora con

la sensazione di parare qualsiasi attacco, portare la spada sopra la testa e, facendo un

passo avanti col piede destro, tagliare verticalmente dall’alto in basso l’avversario che si

trova in diagonale davanti a sinistra.

23

f. Fare un passo indietro con il piede destro ed assumere la posizione di Morote Hidari

Jodan no Kamae (piede sinistro avanti, spada sopra la testa a circa 45° ) e mostrare Zanshin.

g. Portare indietro il piede sinistro, togliere la mano sinistra dall’impugnatura e posarla sulla

cintura. Eseguire Do Kesa ni Furi Oroshite no Chiburi.

h. Togliere la mano sinistra dalla cintura e afferrare Koiguchi. Eseguire Noto.

i. Portare il piede dietro in linea con quello davanti. Togliere la mano destra da Tsuka e

assumere Taito Shisei. Indietreggiare alla posizione di partenza cominciando dal piede

sinistro.

11. Juipponme – Sougiri (tagli completi)

Mentre avanzate, incontrate una persona di fronte a voi che intende attaccarvi.

Anticipatelo tagliandolo in diagonale a sinistra alla faccia, poi attraverso la spalla

destra fino al plesso solare e poi al petto a sinistra. Tagliate l’addome attraverso i

fianchi orizzontalmente e finitelo con un taglio verticale dall’alto in basso.

a. Fare tre passi avanti cominciando col piede destro. Mentre si avanza col piede sinistro,

afferrare la spada con entrambe le mani. Mentre il piede destro va avanti, estrarre la spada

naturalmente in avanti leggermente verso destra.

Portare indietro il piede destro vicino al sinistro e parare il taglio dell’avversario portando la

spada sopra la testa e tenendo Tsuka con la mano destra. (Si tratta della stessa Kamae del

n.3 – Ukenagashi). Immediatamente posare la mano sinistra sulla spada, avanzare col piede

destro e tagliare il lato sinistro della testa dell’avversario verso il basso fino al mento.

b. Mantenendo lo stesso angolo dal primo taglio, portare la spada sopra la testa. Avanzare

col piede destro e tagliare l’avversario attraverso la sua spalla destra in basso fino al plesso

solare.

24

c. Mantenere lo stesso angolo come prima e portare la spada sopra la testa. Avanzare col

piede destro e tagliare l’avversario da sinistra sopra il petto verso il basso al centro

dell’ombelico. Alla fine del taglio, tenere la spada orizzontale.

d. Tenere lo stesso angolo mentre si solleva la spada sopra la testa, portarla in basso e

sopra il fianco sinistro in modo che il filo della lama sia rivolto verso l’esterno. Tenerla

orizzontale e senza esitazione effettuare un taglio orizzontale da destra a sinistra (180°)

mentre si avanza col piede destro. Assicurarsi che il taglio sia esattamente orizzontale e

non sollevare le mani.

NB. Nell’assumere questa postura, assicurarsi che la spada sia tenuta abbastanza bassa al

fianco sinistro in modo che la punta sia rivolta naturalmente verso il dietro a sinistra. La

caratteristica di questo taglio è di muoversi in avanti e non solamente tagliare verso destra.

e. Di nuovo senza fermarsi, portare la spada sopra la testa e mentre si avanza col destro,

eseguire un taglio verticale dall’alto in basso fino all’orizzontale.

f. Senza cambiare posizione, portare la mano sinistra all’Obi a sinistra ed effettuare Migi Ni

Hiraite no Chiburi (Yoko Chiburi) con la mano destra.

g. Far scivolare la mano sinistra in avanti dalla cintura al Koiguchi ed eseguire Noto.

h. Portare il piede dietro in linea con quello davanti, togliere la mano destra

dall’impugnatura e assumere Taito Shisei. Ritornare alla posizione di partenza

indietreggiando a partire dal piede sinistro.

12. Junihonme – Nukiuchi (estrazione improvvisa)

Mentre siete in piedi di fronte ad una persona, questa improvvisamente cerca di tagliarvi.

Lasciatelo tagliare l’aria indietreggiando mentre estraete la spada. Eseguite un taglio

verticale verso il basso per sconfiggerlo.

25

a. Mentre si è in piedi, afferrare la spada con entrambe le mani. Fare un passo indietro col

piede sinistro. Mentre si porta il piede destro indietro vicino al sinistro, ma non sulla stessa

linea, estrarre la spada con la mano destra e portarla sopra la testa.

(N.B. Il modo corretto di estrarre la spada è far salire la mano destra direttamente lungo la

linea centrale del corpo, senza portarla in avanti).

Senza pausa, afferrare Tsuka con la mano sinistra, fare un passo avanti col piede destro ed

effettuare un taglio verticale dall’alto in basso fino all’orizzontale.

b. Fare un passo indietro portando il piede destro dietro al sinistro. Posare la mano sinistra

sulla cintura ed eseguire Migi ni Hiraite no Chiburi (Yoko Chiburi) nello stesso momento.

c. Far scivolare in avanti la mano sinistra, afferrare Koiguchi ed eseguire Noto.

d. Avanzare il piede dietro portandolo in linea con quello davanti, togliere la mano destra

dall’impugnatura ed assumere Taito Shisei. Muovere in avanti il piede destro e poi ritornare

alla posizione di partenza (Moto no Ichi).

Qui finisce la serie dei 12 Kata che costituiscono lo Iai della Zen Nippon Kendo Renmei.

26

SUPPLEMENTO

(Spiegazioni aggiuntive)

1. Come camminare e girarsi quando si entra e si esce dalla zona Shinden.

Quando si fa una esibizione nella zona Shinden (tempio, zona sacra, Dojo), si entra con

Shimo no Ashi (1) e si esce con Kami No Ashi (2). Quando si cambia direzione, lo si fa con

Kami No Ashi.

(1) Shimo No Ashi – il piede più lontano da Shinza o da Shomen. Se si è sulla linea centrale

(Seichusen), è il piede sinistro.

(2) Kami no Ashi – Il piede più vicino a Shinza o Shomen. Se si è sulla linea centrale

(Aichusen) è il destro.

2. Shinza E no Rei in Shinden (inchinarsi a Shinza)

Avanzare verso Shinza in Taito Shisei ed eseguire Chakuza come spiegato al punto 3 del

comportamento. Con la mano sinistra spingere la spada verso destra lungo la coscia sinistra

e portare la mano destra all’interno della mano sinistra. Posare il pollice destro sulla coccia

e tenere Koiguchi e Sageo con le altre dita. Trasferire la spada nella mano destra. Mentre si

posa la mano sinistra sulla coscia sinistra, muovere l’estremità della Saya (Kojiri) da dietro

sinistra a dietro destra con la mano destra. Assicurarsi che il filo sia rivolto verso l’interno e

mettere la coccia in linea con le ginocchia. Posare con delicatezza la spada sul pavimento

parallela alla gamba destra.

Lasciare uno spazio tra la coscia e la spada. Togliere la mano destra dalla spada e riportarla

sulla coscia destra. Secondo lo stile descritto nel comportamento, eseguire Zarei. Dopo

27

aver finito, riportare la spada nella posizione originale facendo tutte le operazioni in ordine

inverso.

3. Sougo no Zarei (inchino reciproco)

Questo è simile a Shinza E no Rei, ma ha significato di rispetto verso gli insegnanti e i

compagni anziani. Cominciare a chinarsi per primi e sollevare la parte superiore del corpo

dopo di loro.

4. Yagai De no Torei (inchino alla spada dalla posizione in piedi)

Da Keito Shisei, spostare la mano sinistra al centro del corpo e portare la mano destra

all’interno della sinistra. Posare il pollice destro sulla coccia e tenere la spada vicino al

Koiguchi assieme al Sageo con le altre dita. Assicurarsi che il filo sia rivolto verso l’esterno

mentre si distendono con naturalezza le braccia in avanti all’altezza degli occhi. Tenendo la

spada in questo modo, piegare la parte superiore del corpo in avanti e chinarsi con

rispetto. Hajime no Torei finisce con Taito portando l’estremità del fodero al centro del

proprio addome e Owari no Torei finisce quando si porta la spada dietro al fianco sinistro.

5. Sageto Shisei (posizione in piedi tenendo la spada)

Tenere Koiguchi e Sageo saldamente nella mano sinistra. Assicurarsi che il filo sia rivolto

verso l’alto. Tenere la spada con naturalezza lungo la linea del corpo con Kojiri che punta in

basso dietro. Si usa questa Kamae quando si è in piedi in una posizione rilassata (Yasume).

6. Punti per una Enbu, esibizione

E’ importante eseguire una Enbu in pieno spirito, tenendo la spada correttamente con la

giusta postura. Sforzarsi di mostrare armonia di spirito, spada e corpo. Fare il possibile per

28

una dimostrazione sincera, come se ci si trovasse davvero in un campo di battaglia.

7. Kokyu – Come respirare

Si dovrebbe cominciare ogni nuovo Kata dopo il terzo respiro. E’ preferibile fare

l’esecuzione con un unico respiro. Se ciò è difficile, fare in modo da non mostrare

all’avversario la propria respirazione.

8. Come tenere Tsuka

Tenere Tsuka vicino alla coccia con la mano destra. Tenere l’altra estremità con la mano

sinistra. Fare attenzione a non tenerla troppo vicina alla base e assicurarsi che il mignolo

sinistro non tocchi Makidome (ultimo nodo dell’intrecciatura sull’impugnatura vicino

all’estremità).

Applicare una stretta più salda ai muscoli delle dita inferiori che a quelle superiori e tenere

salda l’impugnatura con il mignolo e con il medio. Le altre dita dovrebbero rimanere

piuttosto rilassare. Cercare di immaginare di star tenendo un uovo. Il palmo dovrebbe

essere tutto in contatto con l’impugnatura della spada.

9. Sageo (cordicella)

Di regola si lega alla spada una cordicella. Il modo in cui legarla o maneggiarla dipende dalle

scuole individuali. In alcuni casi può non essere richiesta.

29

INDICAZIONI PER GRADI E GIUDIZI

Per amore di semplicità, le seguenti domande sono state esposte in modo tale che le

risposte indichino il modo corretto per ciascuna forma.

Reiho

Assicurarsi che chi esegue abbia il corretto comportamento.

1. Mae

a. C’è sufficiente Sayabiki al momento del taglio alla faccia dell’avversario.

b. La spada viene portata in Furikaburi con la sensazione di colpire con la punta dietro

l’orecchio sinistro.

c. In Furikaburi la punta della spada è sopra l’orizzontale.

d. In Kirioroshi la spada viene abbassata senza esitazione.

e. Alla fine di Kirioroshi la punta della spada è leggermente al di sotto dell’orizzontale.

f. E’ corretta la forma di Chiburi.

g. Noto è eseguito in modo corretto.

2. Ushiro

a. Quando ci si gira, il piede sinistro è spostato a sufficienza verso sinistra.

b. Il taglio orizzontale è portato alla tempia dell’avversario.

3. Ukenagashi

a. Quando viene eseguita la parata, viene protetta bene la parte superiore del corpo.

b. Il piede sinistro è portato dietro quello destro, e il taglio è eseguito lungo la linea di

30

Kesa.

c. Alla fine del taglio, la mano sinistra è di fronte all’ombelico e la punta della spada

leggermente sotto l’orizzontale.

4. Tsuka – ate

a. Tsuka Gashira è puntata con sicurezza al plesso solare dell’avversario.

b. Quando si fa l’affondo contro l’avversario dietro, questo viene eseguito con il gomito

destro disteso completamente e la mano sinistra che porta Koiguchi all’ombelico.

c. Quando viene eseguito il taglio, viene fatto verticalmente lungo la linea centrale e dalla

corretta posizione sopra la testa.

5. Kesagiri

a. Quando viene eseguito il primo taglio, al momento della rotazione della spada, la mano

destra si trova sopra la spalla.

b. Quando viene eseguito Chiburi, è con il corretto angolo mentre chi esegue fa il passo

indietro con la mano sinistra che afferra Koiguchi.

6. Morotezuki

a. Il taglio iniziale è fatto dalla tempia dell’avversario in basso verso il mento mentre si

esegue Nuki Uchi.

b. Chi esegue porta il piede sinistro avanti, dietro il piede destro. Chudan no Kamae è

eseguita correttamente e l’affondo portato nella zona giusta del corpo. L’affondo è

eseguito con sicurezza.

c. Chi esegue porta la spada sopra la testa in una azione di parata dopo averla estratta dal

primo avversario.

7. Sanpogiri

a. Il taglio contro il primo avversario viene eseguito attraverso la testa in basso fino al

31

mento.

b. Il taglio verso l’avversario di sinistra viene portato senza esitazione.

c. La spada viene portata in alto con Furikaburi in una azione di parata.

d. L’ultimo taglio finisce orizzontale.

8. Ganmen – ate

a. Il colpo iniziale con Tsuka Gashira viene fatto tra gli occhi.

b. Nel girarsi verso la direzione opposta, la mano destra è posata sull’anca.

c. Quando si è rivolti verso l’avversario dietro, il corpo è esattamente frontale con il tallone

dietro leggermente sollevato.

d. L’affondo viene eseguito senza piegare troppo le ginocchia.

9. Soete Zuki

a. Alla fine del taglio iniziale in diagonale dalla spalla destra dell’avversario attraverso il

fianco, la mano destra è all’altezza dell’ombelico e la punta della spada leggermente sopra

l’orizzontale.

b. La spada viene tenuta correttamente tra pollice e indice della mano sinistra e con la mano

destra sull’anca.

c. La mano destra si ferma di fronte all’ombelico dopo l’affondo.

d. Quando si mostra Zanshin, il gomito destro è disteso con naturalezza e la mano destra

non più alta del petto.

10. Shihogiri

a. Il colpo alla mano dell’avversario viene eseguito con forza e sicurezza con il piatto di

Tsuka.

b. Nel fare Sayabiki, il Mune vicino al Monouchi della spada è sul petto e la mano destra non

tocca il corpo.

c. Quando si esegue l’affondo, la mano sinistra è al centro dell’ombelico ed entrambe le

mani aiutano la tecnica con la corretta tensione.

d. Il taglio finale viene portato passando da Waki Gamae senza esitazione o pausa.

32

11. Sougiri

a. Quando la spada viene estratta, è nella corretta posizione di parata.

b. Quando si avanza, viene eseguito Okuri Ashi.

c. Quando si fa il taglio orizzontale, viene eseguito orizzontalmente con il corretto angolo

della lama.

12. Nukiuchi

a. Quando la spada viene estratta, il piede sinistro viene adeguatamente retrocesso.

b. Quando la mano destra è portata verso l’alto, è sulla linea centrale del corpo.

17 settembre 1988

Juipponme e Junihonme (aggiunti)

2 dicembre 2000

33

GLOSSARIO DEI TERMINI GENERALI

Ashi Sabaki – Lavoro o movimento dei piedi

Ayumi Ashi – Camminata normale nella quale i piedi si muovono naturalmente

Bokken – vedi bokuto

Budo – termine generale per tutti i tipi di arti marziali giapponesi

Bokuto – spada di legno di solito fatta con quercia giapponese

Chakuza – sedersi dalla posizione in piedi. Vedi Seiza e Tate Hiza

Chudan no Kamae – una delle cinque posizioni di base in cui la spada viene tenuta nella

posizione centrale

Dojo – luogo nel quale gli allievi si allenano nelle rispettive discipline

Enbu – dimostrazione di budo di fronte ad un pubblico

Enzan no Metsuke – lett. guardare le montagne lontane. Termine che significa guardare

tutto ma non qualcosa di specifico.

Furi Oroshite – far salire la spada dal basso a sopra la testa

Gedan no Kamae – una delle cinque posizioni di base nella quale la spada è abbassata al

ginocchio

Ha – filo tagliente della spada

34

Hakama – gonna pantalone a pieghe usata per la pratica delle arti marziali giapponesi

Hanmi – postura nella quale il corpo è laterale rispetto all’avversario

Hasso no Kamae – una delle cinque posizione di base in cui la spada viene tenuta vicina alla

spalla

Hasuji – linea di taglio della lama

Iaido – forma di combattimento con la spada nella quale si estrae rapidamente la lama e in un

unico movimento per sconfiggere il nemico. Fondata da Shigenobu Hayashizaki nella

seconda metà del 16° secolo. Molte scuole si sono formate nel periodo Edo (1600-1868). Nel

1956 è stata costituita la divisione Iaido nella Federazione giapponese di Kendo e nel 1969

sono stati formulati i Kata di Iai della federazione.

Jodan no Kamae – una delle cinque posizioni di base nella quale la spada viene tenuta sopra

la testa.

Kamae – parola o termine generale con significato di postura.

Kata – parola che significa forma o insieme di movimenti di tecniche

Katana – arma ad un solo taglio che di solito indica la spada giapponese

Katsuninken/katsujinken – termine buddista che significa “il modo positivo” di usare la

spada

Keito Shisei – termine usato nello Iaido che si riferisce alla posizione nella quale viene

tenuta la spada rinfoderata sull’anca sinistra, rispetto al Kendo in cui di solito si usa solo

Taito Shisei per descrivere la stessa posizione, tenendo lo Shinai

Ki Gamae – stato nel quale il corpo è vigile e pronto ad agire in un momento

35

Kigurai – stato di presenza imponente che deriva dalla confidenza acquisita dopo molta

pratica

Koiguchi – bocca o apertura del fodero della spada, o Saya. Dato a causa della somiglianza

con la bocca aperta di una carpa Koi giapponese.

Kurai – parola che significa il grado nel quale il carattere è combinato con l’abilità

Metsuke – corretta posizione dello sguardo

Mizouchi – vedi Suigetsu

Morote – atto di usare entrambe le mani per afferrare o tenere la spada

Morote Zuki – atto di affondare la spada con entrambe le mani

Mune – dorso della spada giapponese. Chiamato anche Mine

Nion To – nome generale che significa spada costruita secondo il modo giapponese

Noto – atto di riportare la spada nel fodero. Uno dei movimenti di base dello Iai

Obi – lunga sciarpa non molto alta indossata attorno ai fianchi per sostenere la spada

Okuri Ashi – uno dei tipi base di camminare in cui il piede destro viene tenuto avanti

Rei – comportamento e condotta che mostra rispetto e cortesia verso gli altri

Rei Ho – cortesia o educazione. Etichetta richiesta in tutto il Budo

Ryu Ha – letteralmente significa scuola. Di solito usato per indicare un fondatore

Sage To – posizione in piedi tenendo una spada o un Bokuto naturalmente con le braccia

distese

36

Seiza – modo di sedersi con le ginocchia sulla stessa linea e le tibie e le punte delle dita sul

pavimento. Gli alluci dovrebbero trovarsi uno vicino all’altro o sopra l’altro, e le natiche

posate sui talloni che sono uno accanto all’altro. La schiena è eretta e le mani posate sulla

parte superiore delle cosce con le dita unite. In Giappone questo è considerato il modo

corretto di sedersi

Shinken – spada vera

Shinogi – sulla lama della spada, lo spigolo sul lato che va dalla coccia alla punta (Kissaki)

Shinza – tempio o posto d’onore in un dojo o sala da allenamento

Shomen – parola che significa parte frontale. Per esempio: Shomen E no Rei

Suigetsu – zona concava sotto lo sterno che viene chiamata bocca dello stomaco, plesso

solare o Mizouchi

Tachi – tipo di spada curva generalmente più lunga di 60 cm

Taito – azione di infilare la spada nell’Obi (cintura) o di posare la mano sull’anca sinistra

quando si usa un Bokuto

Tenouchi – uso complessivo delle mani quando si taglia, si tiene, si stringe o si rilassa la

presa sull’impugnatura

Teito – vedi Sageto

Tsuba – coccia della spada; di solito decorata ma essenzialmente un pezzo di metallo che

viene inserito tra l’impugnatura e la lama della spada per proteggere le mani

Tsuba Moto – zona della spada vicina alla coccia

Tsuka – impugnatura della spada; zona che di solito viene tenuta con le mani

37

Tsuka Gashira – estremità dell’impugnatura

Tsuku – affondare alla gola, al petto o al plesso solare

Ukenagasu – parare la spada dell’avversario che sta colpendo, deviandola di lato con lo

Shinogi della propria spada. Il movimento si trova nel terzo Kata, Ukenagashi

Waki Gamae – una delle cinque posizioni di base nella quale la spada viene posata a lato del

corpo, parzialmente nascosta alla vista dell’avversario di fronte

Waza – abilità motoria ottenuta con duro e lungo allenamento di movimenti di taglio e

l’apprendimento della serie di teniche o Kata

Zanshin – posizione del corpo e stato della mente nei quali, anche dopo il taglio, si è vigili e

pronti a rispondere istantaneamente a qualsiasi contrattacco dell’avversario. Generalmente

parlando, dopo il taglio, si dovrebbe sempre essere consapevoli della distanza tra noi

stessi e l’avversario

Zarei – inchino eseguito dalla posizione formale in ginocchio.

38

GLOSSARIO DEI TERMINI PER LA COMPETIZIONE

Fukushin – un sotto arbitro che assiste quello principale. Nelle competizioni di Iaido

normalmente ce ne sono tre, ma che hanno tutti la stessa autorità nel prendere decisioni

Fusen Gachi – vittoria senza aver veramente gareggiato per assenza o ritiro dell’avversario

Gogi – sospensione temporanea della gara per una consultazione. Gli arbitri tengono un

consulto per decidere se uno o più gareggianti ha fatto un errore critico o se ci sono

dubbi o incertezze che riguardano la dimostrazione o l’applicazione delle tecniche

Hajime – parola che significa cominciare o avere inizio

Hantei – annuncio da parte dell’arbitro principale sulla decisione relativa alla gara

Senshu – parola che indica un competitore o un nuovo arrivo in una gara o evento

Shiai – gara tra persone o squadre secondo regole ben definite

Shiai Jikan – tempo limite per una gara. Il tempo standard massimo è di sei minuti, ma può

variare a seconda dei tornei

Shiai Jo – area nella quale vengono tenuti gli incontri

Shinpan – azione di giudicare il risultato di un incontro

Shinpan Cho – giudice principale che supervisiona tutte le gare e la condotta degli arbitri e

dei giocatori nelle gare

Shinpan In – un arbitro

39

Shinpan Ki – bandierine rosse e bianche usate dagli arbitri durante gli incontri

Shinpan Shunin – aiuto arbitro o giudice. Di solito viene nominato quando ci sono due o più

teams e assiste lo Shinpan Cho

Shobu Ari – lett. vittoria. Annuncio fatto per segnalare una decisione e per indicare agli

arbitri di abbassare le bandierine

Shushin – l’arbitro principale, centrale. Di solito annuncia il risultato dell’incontro

Taikai – lett. gara, competizione

Taikai Kaicho – presidente della competizione o del torneo

Yame – parola che significa stop, alt

Yasume – parola che significa, rilassatevi, o mettetevi comodi

40

GLOSSARIO DEI NOMI DELLE PARTI DELLA SPADA

Nomi delle parti della lama

Boshi – punta temprata della lama

Ha – filo tagliente della lama

Hamon – linea di tempra lungo il bordo della lama

Kissaki – punta della lama

Mei – firma del costruttore, di solito sul codolo

Mekugi Ana – buco nel codolo dove viene inserito il pioletto

Mune – dorso della spada

Nakago – codolo della lama

Shinogi – spigolo sul lato della lama

Shinogi Ji – lato piatto della lama

Yokote – parte sulla punta della lama dove finisce Kissaki e cominciano gli Hi

41

Nomi degli accessori e del fodero

Fuchi – anello che si trova attorno alla testa dell’impugnatura

Habaki – anello che si fa scivolare sulla lama prima di inserire Seppa e Tsuba

Kashira – estremità dell’impugnatura

Koiguchi – bocca del fodero

Kojiri – estremità del fodero

Kurigata – nodo laterale sul fodero nel quale viene legato il Sageo

Mekugi – pioletto di legno (o altro materiale resistente) che assicura l’impugnatura alla lama

Menuki – accessori ornamentali che si trovano sotto la legatura dell’impugnatura

Sageo – cordicella di seta o cotone che si usa per assicurare il fodero all’Hakama

Same – pelle di razza usata per rivestire il manico di legno sotto la legatura

Saya – fodero per la spada

Seppa – spaziatore di metallo ai lati della Tsuba

Tsuba – coccia della spada

Tsuka – impugnatura della spada

42

Postfazione

Nota dell’editore

marzo 2004

Questo manuale è una interpretazione della versione generalmente usata in Giappone. Lo

scrittore desidera renderne disponibili i punti a beneficio dei lettori di lingua inglese.

Desidera anche dare ai lettori un assaggio di come il giapponese percepisca le basi dello

Iaido secondo quanto è attualmente insegnato in Giappone.

Si è cercato di semplificare sia il formato che il contenuto di ciascuna lettura. All’inizio di

ogni forma c’è una breve spiegazione. I lettori possono fare riferimento al glossario per

famigliarizzarsi con i termini sconosciuti.

Lo scrittore è stato informato in numerose occasioni che l’enfasi maggiore nello Iaido si

trova nel dare la maggior naturalezza possibile all’esecuzione dei Kata. Cioè, considerate le

differenze fisiologiche di ciascun individuo, i Kata dovrebbero essere eseguiti in un modo

che riflettano i movimenti naturali del proprio corpo. Lo scrittore attraverso la sua

personale esperienza, crede che questa realizzazione sia una delle valorizzazioni più

importanti nello Iaido.

Chris Mansfield

marzo 2000

Approvato dall’ AJKF International Office

marzo 2004

Pubblicato dalla Federazione Giapponese di Kendo (Zen Nippon Kendo Renmei)

marzo 2004

43